La formattazione condizionale – (parte3)

Stampa l'articolo

La Formattazione condizionale ci permette di mettere in risalto singole celle, righe o colonne applicando diversi formati e stili al foglio ogni qualvolta che i dati presenti soddisfano una o più condizioni.

Oggi vedremo come si crea una regola partendo da zero, come estendere la formattazione ad altre celle e come dare i riferimenti corretti per non incappare in errori.

Supponiamo quindi, come primo esempio di voler evidenziare, nella tabella qui sotto, quelle regioni in cui la popolazione supera i 5 milioni di abitanti.

La prima operazione da fare sarà selezionare le celle in cui sono contenuti questi dati.

Di conseguenza selezioniamo l’intervallo B3:B22, quindi portiamoci in Formattazione condizionale, scegliamo Nuova regola, e come regola usiamo Utilizza una formula per determinare le celle da formattare.

Nel campo Formatta i valori per cui questa formula restituisce Vero: scriviamo questa formula:

=B3>500000

Una premessa importante, quando scriviamo una formula o una funzione nel foglio di Excel, partiamo sempre con il simbolo dell’uguale e la stessa cosa la dobbiamo fare per la formattazione condizionale, anzi alcune volte per le formule più complesse, e lo vedremo successivamente, viene comodo scriverle nel foglio di Excel e dopo copiarle all’interno della formattazione.

Probabilmente vi starete chiedendo perché ho indicato solo la cella B3 nella formula e non l’intero intervallo, visto che il controllo lo facciamo su tutte le regioni, beh la risposta è molto semplice, se pensate ai riferimenti assoluti o relativi, la risposta arriva da se, non avendo vincolato la cella B3 con il simbolo del dollaro, il riferimento risulterà dinamico e quindi partirà dalla cella B3 fino ad arrivare alla cella B22

Data questa piccola spiegazione andiamo a scegliere il formato, mettiamo un riempimento verde e diamo OK

Ok, ora che abbiamo capito come impostare le formule, come potremmo fare per evidenziare l’intera riga della tabella nel caso si verificasse una determinata condizione?

Supponiamo ora che vogliamo evidenziare l’intera riga per quelle regioni che abbiano meno di 1 milione di abitanti e questo valore lo mettiamo nella cella H1.

Faremo una selezione mirata, ma solamente perché successivamente voglio farvi vedere come poter copiare velocemente la formattazione condizionale ad altre celle.

Selezioniamo la riga inerente ai dati della Basilicata, quindi il range A4:F4, in Formattazione condizionale scegliamo Nuova regola, e come regola usiamo Utilizza una formula per determinare le celle da formattare.

Per la formula scriviamo:

=$B4<$H$1

Prestate attenzione perché in questo caso dobbiamo mettere il simbolo del dollaro prima della lettera B

Andiamo ad impostare il formato, in questo caso scegliamo un riempimento giallo.

E come fare per estendere questa formattazione all’intera tabella? Più semplice a farsi che a dirsi, possiamo seguire 2 strade ugualmente valide:

  1. entrare nella gestione delle regole e modificare l’intervallo a cui applicare la formattazione condizionale

  2. Oppure sarà sufficiente premere su Copia formato

Ed estendiamo la selezione su tutta la tabella.

Vi faccio notare che uno dei principali motivi che comporta l’errato funzionamento della formattazione condizionale è il fatto di dare dei riferimenti errati all’interno della formula.

Guardate cosa succede se andiamo in gestione delle regole e semplicemente togliamo il simbolo del dollaro davanti a B3

Il risultato è decisamente diverso ed inaspettato!

Quindi se in passato vi siete trovati in difficoltà con la formattazione condizionale ora conoscete una delle possibili cause, se invece siete alle prime armi sapete dove prestare maggiore attenzione per far si che ogni cosa funzioni correttamente.

Nel video qui sotto trovate tutti i passaggi appena illustrati, buona visione.

Condividi il post

Facebook
Twitter
LinkedIn
Email
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Tips & Tricks

Trovare l’ultimo valore in colonna

Volete trovare l’ultimo valore presente in una colonna? Se a priori non sapete quante celle popolano la colonna o volete un metodo dinamico per conoscere l’ultimo valore, seguite questi passaggi.

Read More »
Torna su