La funzione RIMPIAZZA

Se abbiamo la necessità di aggiungere o sostituire una parte di un testo allora la funzione RIMPIAZZA può fare al caso nostro, un requisito fondamentale per poterla utilizzare è quello di conoscere la posizione in cui vogliamo inserire il nuovo testo.

Vediamo la sintassi per poi passare subito agli esempi per capirne il funzionamento.

La funzione RIMPIAZZA si compone di 4 argomenti obbligatori.

testo_prec  è il testo nel quale si desidera sostituire alcuni caratteri.

inizio, indica la posizione del carattere del testo_prec che si desidera sostituire con nuovo_testo.

num_caratt  è il numero di caratteri nel testo_prec che si desidera sostituire con nuovo_testo

nuovo_testo è il testo che sostituirà i caratteri nel testo_prec.

Portiamoci nella cella D2  e scriviamo:

=RIMPIAZZA(B2;1;;”zzz”)

Il risultato sarà quello di aggiungere il nuovo testo “zzz” prima del primo carattere del testo contenuto nella cella B2

Se ora anziché mettere 1 come valore d’inizio, mettiamo 3 vediamo cosa succede, nella cella D3 scriviamo:

=RIMPIAZZA(B3;3;;”zzz”)

Il risultato sarà quello di aggiungere il nuovo testo “zzz” prima del 3° carattere nel testo contenuto nella cella B3.

Capite che come detto all’inizio, per poter utilizzare questa funzione è fondamentale conoscere a priori la posizione dove andare a mettere il nuovo testo.

Nel caso in cui mettessimo un valore di inizio superiore alla lunghezza stessa del testo iniziale, il nuovo testo verrà posizionato in coda.

Nella cella D4 scriviamo:

=RIMPIAZZA(B4;10;;”zzz”)

Il risultato sarà quello di aggiungere il nuovo_testo alla fine.

Con gli esempi appena fatti, abbiamo sempre mantenuto intatto il testo di partenza, ed abbiamo aggiunto prima, in mezzo o dopo il nuovo testo.

Usando il campo num_caratt, ci permetterà di specificare quanti caratteri vogliamo togliere dal testo_prec andando a rimpiazzarlo col nuovo testo.

Portiamoci nella cella D5 e scriviamo:

=RIMPIAZZA(B5;1;2;”zzz”)

Come vedete dal risultato, i primi 2 caratteri del testo precedente “ABCDEFG” sono stati eliminati, o meglio rimpiazzati con il nuovo testo.

Facciamo un altro esempio, però questa volta cambiando anche il valore di inizio per capire cosa succede.

Nella cella D6 e scriviamo:

=RIMPIAZZA(B6;3;2;”zzz”)

Cosa è successo? Il nuovo testo “zzz” è stato messo prima del 3° carattere del testo iniziale “ABCDEFG” e nel contempo abbiamo eliminato o meglio rimpiazzato 2 caratteri, partendo sempre dalla terza posizione, quindi le lettere “C” e “D” non ci sono più.

Se negli esempi di prima abbiamo messo un valore del campo inizio superiore alla lunghezza del testo iniziale, questa volta aumentiamo il valore num_caratt e vediamo cosa succede.

Portiamoci in D7 e scriviamo:

=RIMPIAZZA(B7;3;10;”zzz”)

Il testo_prec dal terzo carattere in poi verrà rimpiazzato dal nuovo_testo

Dopo aver compreso il funzionamento dei vari campi nella funzione RIMPIAZZA, vediamo un paio di esempi più pratici, nel primo caso vogliamo togliere il protocollo “https”, la parte iniziale per intenderci, dal sito Excel Espresso, mentre nel secondo vogliamo cambiare l’estensione del dominio, che corrisponde alla parte finale, da .it a .com.

Per togliere la parte iniziale, nella cella D8 dovremo scrivere:

=RIMPIAZZA(B8;1;8;””)

Il risultato sarà: www.excelespresso.it

Per l’ultimo esempio, in cui vogliamo rimpiazzare la parte finale del testo, dobbiamo abbinare la funzione LUNGHEZZA, vi lascio il link del video dedicato a questo argomento, con la funzione RIMPIAZZA, quindi nella cella D9 scriviamo:

=RIMPIAZZA(B9;LUNGHEZZA(B9)-1;2;”com”)

Il risultato sarà la sostituzione dell’ultima parte da .it a .com

Nel video qui sotto trovate tutti i passaggi appena illustrati, buona visione.

Condividi il post

Facebook
Twitter
LinkedIn
Email
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Tips & Tricks

La formattazione condizionale – (parte5)

La Formattazione condizionale ci permette di mettere in risalto singole celle, righe o colonne applicando diversi formati e stili al foglio ogni qualvolta che i dati presenti soddisfano una o più condizioni. Vedremo come usare la formattazione condizionale abbinandola alle caselle di controllo.

Read More »
Torna su