11 – Riferimenti Assoluti, Relativi e Misti

Partiamo subito col dire che cos’è un riferimento, un riferimento identifica la posizione di una cella, tramite l’indicazione delle coordinate colonna e riga, Come impostazione predefinita, un riferimento di cella è relativo, ed un gruppo di celle si definisce intervallo.

Volendo calcolare il costo complessivo degli articoli in tabella, ci basterà moltiplicare il prezzo unitario per la quantità, quindi nella cella D3 scriviamo semplicemente:

=B3*C3

Quello che abbiamo appena scritto è un riferimento relativo.

Per copiare la formula anche nelle celle sottostanti basterà posizionarsi nell’angolo in basso a destra e trascinare il contenuto nelle celle sottostanti, poiché i riferimenti in questione sono relativi automaticamente Excel cambierà i riferimenti ad ogni cella.

Infatti se premiamo contemporaneamente i pulsanti CTRL + MAIUSC +(   Excel ci mostrerà le formule contenute in ogni singola cella.

Come possiamo vedere le varie formule che abbiamo copiato si adatteranno di volta in volta in base alla posizione della riga.

Ripremiamo la combinazione CTRL + MAIUSC +(   per ritornare alla visualizzazione dei valori e calcoliamo il valore complessivo tramite la funzione somma automatica

Se ora volessimo trovare la percentuale che ogni articolo contribuisce a generare il totale, non dovremo fare altro che dividere il totale di ogni articolo per il totale complessivo, quindi nella cella E3 scriviamo:

=D3/D12

Tuttavia se come fatto prima trasciniamo la formula così come l’abbiamo scritta anche nelle celle sottostanti, ci accorgiamo che qualcosa non funziona.

Questo accade perché i vari rifermenti che abbiamo dato sono relativi, mentre noi dovremmo dividere ogni singolo totale, che varia di riga in riga, con il totale complessivo che però non di sposta perché rimane sempre nella cella D12 per intenderci premiamo nuovamente i pulsanti CTRL + MAIUSC +(  

Noi dobbiamo fare in modo che il divisore rimanga sempre fisso con il riferimento della cella D12, per fare questo dobbiamo dare quello che si chiama riferimento assoluto, anteponendo il simbolo del dollaro alla lettera della colonna e al numero di riga.

Premiamo nuovamente i pulsanti CTRL + MAIUSC +(   riportiamoci quindi nella cella E3 e riscriviamo la formula nel seguente modo:

=D3/$D$12

E trasciniamo verso il basso

Per capire cosa sia cambiato ripremiamo nuovamente la combinazione CTRL + MAIUSC +(  

Tramite il riferimento assoluto, abbiamo bloccato sia il riferimento della colonna, il simbolo del dollaro è davanti alla lettera D, sia il riferimento della riga perché il simbolo del dollaro è davanti al 12.

Vediamo ora quali riferimenti dobbiamo usare se volessimo conoscere il prezzo scontato del 5% o del 10% per ogni articolo, portiamoci nella cella G3 e iniziamo a scrivere:

=B3-B3*G2

I vari prezzi di partenza si trovano sempre nella colonna B, quindi metteremo il simbolo del dollaro davanti alla lettera B, mentre i valori degli sconti si trovano nella riga numero 2 quindi metteremo il simbolo del dollaro davanti al numero 2, così facendo stiamo utilizzando un riferimento misto e trascinando la formula nelle varie celle avremo tutti i riferimenti corretti.

Prima di dare invio vi faccio vedere un piccolo trucchetto per passare rapidamente da un riferimento relativo ad uno assoluto oppure misto, premendo il pulsante F4 il simbolo del dollaro cambierà di posizione e ad ogni pressione del pulsante F4 il dollaro si sposterà davanti alla colonna, scomparirà, oppure si posizionerà davanti a riga e colonna, per poi ritornare alla combinazione da cui siamo partiti.

Diamo invio, trasciniamo la formula verso destra ed in seguito in basso fino a riempire tutte le celle di nostro interesse.

Dando i riferimenti corretti, abbiamo digitato una singola formula per avere tutti i risultati che stavamo cercando, comodo no? Come fatto in precedenza per visualizzare i vari riferimenti premiamo la combinazione di tasti CTRL + MAIUSC +(  

Nel video qui sotto trovate tutti i passaggi appena illustrati, buona visione.

Condividi il post

Facebook
Twitter
LinkedIn
Email
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Tips & Tricks

La formattazione condizionale – (parte5)

La Formattazione condizionale ci permette di mettere in risalto singole celle, righe o colonne applicando diversi formati e stili al foglio ogni qualvolta che i dati presenti soddisfano una o più condizioni. Vedremo come usare la formattazione condizionale abbinandola alle caselle di controllo.

Read More »
Torna su